Servizio Ispettivo

In accordo con l'art.1, comma 62 della legge n.662 del 23.12.1996, che prevede che le Pubbliche Amministrazioni si avvalgano dei propri " servizi ispettivi" per effettuare verifiche finalizzate all'accertamento del rispetto delle disposizioni in materia di incompatibilità da parte del personale dipendente, L'Azienda Ospedaliera "Pugliese Ciaccio", con Deliberazione N. 516 del 11-8-2008, ha istituito il "Servizio Ispettivo e Verifica di Appropriatezza; trasformato in SOD e posto in posizione di staff alla Direzione Generale, è stato successivamente rinominato (secondo la dicitura prevista dalla legge) " Servizio Ispettivo di verifica e Controllo", integrandone, con successivo atto, le funzioni e i compiti cui all'art. 3 comma 2 b della L.R. n. 11 del 30 Aprile 2009.
 
Trattandosi di organismo fiduciario della Direzione Generale, deve agire in stretta correlazione, ed in via esclusiva, con la Direzione Generale stessa .

 

L'attività del Servizio Ispettivo abbraccia i seguenti àmbiti:

  • relativamente alla verifica delle incompatibilità di cui alla L. 662/96, si estende a tutto il personale dipendente a rapporto esclusivo e non esclusivo, dirigente e non, con rapporto di lavoro a tempo determinato o indeterminato, sia a tempo pieno che a tempo parziale.
    L'attività di verifica interessa, altresì, l'ambito della libera professione e quello dell'appropriatezza delle prestazioni di ricovero e di specialistica ambulatoriale ed ha come destinatari,  tutti i soggetti che espletano attività libero professionale e tutte le unità operativa dell'Azienda.  
    Per procedere a tale incombenza, il Servizio effettua verifiche a campione sui dipendenti dell'Azienda, finalizzate all'accertamento dell'osservanza delle disposizioni di cui dal comma 56 al comma 65 dell' art. 1 della legge n. 662/1996. In particolare verifica l'applicazione conforme delle disposizioni normative che riguardano l'iscrizione agli albi professionali per i pubblici dipendenti, il rapporto di lavoro ed il regime delle autorizzazioni allo svolgimento di altra attività di lavoro subordinato o autonomo.
  •  
  • Il Servizio Ispettivo svolge, altresì, coordinandosi con la Commissione di verifica e vigilanza della libera professione intramoenia, una funzione di controllo sull'attività libero professionale con riferimento alle norme generali in materia nonché allo specifico regolamento aziendale.
  •  
  • Il Servizio, inoltre, al fine di evidenziare l'erogazione di prestazioni non appropriate, espleta valutazioni dell'appropriatezza, in particolare della degenza ordinaria, basate sull'esame delle documentazioni ufficiali disponibili nei competenti uffici dell'AOPC e con riferimento alle indicazioni nazionali e regionali, anche al fine di favorire l'integrazione fra la dimensione organizzativa e la dimensione clinica dell'appropriatezza. La Struttura semplice  si occupa del monitoraggio e controllo sui dati di attività e sull’appropriatezza delle prestazioni rese in regime di ricovero (controlli analitici), in accordo con le indicazioni contenute nel d.p.g.r. 53/2011 e nel d.p.g.r. 5/2014 nonché del controllo dei ricoveri i cui DRG attribuiti ricadano nei DRG ad alto rischio di inappropriatezza (108 DRG ad alto rischio di inappropriatezza in regime di ricovero, di cui all’allegato B del Patto per la Salute 2010-2012), evidenziando quei ricoveri effettuati per patologie che devono/possono essere trattate con un diverso setting assistenziale (DH, DS, APA, PAC). L’analisi delle SDO e delle cartelle cliniche, nel merito, ha permesso in molti casi di praticare una “revisione” della codifica con i medici che hanno la responsabilità della dimissione, portando alla scelta di codici di diagnosi più realistici e confacenti alle patologie effettivamente presenti, alla segnalazione delle comorbidità/complicanze (ove presenti), codici di procedure realmente effettuate. Il riconoscimento di errori nella compilazione o nella scelta della definizione di diagnosi e/o procedure (con relativa codifica), ha permesso di attribuire ad alcuni ricoveri un DRG appropriato (a fronte di prestazioni complesse erogate e documentabili, ma non citate nella SDO), anche al fine di ridurre l’ospedalizzazione per patologie che non necessitano di ricovero, garantendo invece disponibilità di posto letto ai casi in cui realmente necessiti il ricovero ospedaliero, ottenere recuperi economici per le prestazioni realmente effettuate e quindi di migliorare l’immagine dell’Azienda. La Struttura ha competenza, quindi, nell’ effettuare  controlli di merito: sulla qualità della documentazione clinica, scheda di dimissione ospedaliera (firma del medico responsabile della dimissione e congruenza del documento con il flusso rendicontato), presenza e completezza di compilazioni di consensi informati, presenza lettera di dimissione  (firma del medico responsabile della dimissione e completezza del suo contenuto) -contenuto della cartella clinica. La compilazione della SDO deve avvenire nel più breve tempo possibile dopo la dimissione della persona assistita (“Manuale della cartella clinica” –  2  edizione 2007”) e nel caso in cui si verifichi una inesatta o incongrua rappresentazione della codifica della SDO o la SDO stessa contenga errori materiali, tali errori (nei casi consentiti) potranno essere corretti (nei tempi previsti dalla normativa vigente) generando una seconda SDO. In tale caso, entrambe le SDO dovranno essere presenti all’interno della cartella clinica. La predetta funzione concorre allo scopo di portare a regime un sistema di reporting  periodico sull’efficienza e sull’appropriatezza clinica e organizzativa delle prestazioni di ricovero ospedaliero e di promuovere azioni correttive in caso di scostamento dai valori standard  individuati attraverso i controlli analitici interni e le revisioni SDO/cartella clinica, provvedendo a garantire il controllo ed il miglioramento dei flussi SDO. Gli esiti dei controlli analitici, conformi al presente protocollo di valutazione, verranno inviati periodicamente al Dipartimento della salute della Regione Calabria.

 

Dirigente Responsabile: Dott.ssa Donatella Porcelli

Recapiti utili


Ubicazione: Ubicazione: P.O. Pugliese 1° piano -  Servizio ispetttivo di verifica e controllo


Altre informazioni utili:

L'attività relativa al controllo della codifica delle SDO viene svolta tramite il controllo diretto di tutte le cartelle cliniche relative ai ricoveri ordinari i cui DRG siano compresi tra quelli ad alto rischio di inappropriatezza, reperite nell'Archivio Generale. Tali controlli, volti a reperire    eventuali difetti di codifica, errori od omissioni, vengono discussi con il Direttore di struttura o con un dirigente medico delegato dallo stesso, per gli eventuali correttivi del caso.
I controlli relativi alle iscrizioni agli Albi o Collegi Professionali, per le categorie dove siano  obbligatori per legge, vengono effettuati con l'ausilio delle relative istituzioni provinciali o direttamente tramite richiesta agli interessati (se iscritti fuori sede).
La verifica volta all'accertamento dell'osservanza delle vigenti disposizioni in materia d'incompatibilità di rapporto di lavoro a tempo pieno o a tempo parziale e al controllo di svolgimento di libera attività professionale intra ed extramuraria, nonché cumulo di impieghi e incarichi( di cui all'art.1 commi 5, da 56 a 60 e 123 della legge) avviene attraverso la dichiarazione certificata da parte dei soggetti sorteggiati e sottoposti al controllo e l'esibizione di  tutti i documenti eventualmente richiesti (contenuti e non nei fascicoli personali) riguardanti la situazione economica, nonché la situazione patrimoniale, finanziaria, industriale e commerciale dei suddetti dipendenti.
 

Dipartimenti